Esame di Stato conclusivo scuola secondaria di secondo grado a.s. 2019/2020 – indicazioni.

Esame di Stato conclusivo dei percorsi di istruzione secondaria di secondo grado a.s. 2019/2020 –

indicazioni.  (prot. 2197)

L’attribuzione del credito scolastico
L’art. 15 del d.lgs. n° 62/2017 prevede, con norma transitoria, che per gli studenti che sostengono

l’esame di Stato nell’anno scolastico 2019/2020 il credito scolastico conseguito nel terzo anno di

corso, sulla base della previgente normativa, sia convertito secondo la specifica tabella (terza

tabella) inserita nell’allegato A.

Pertanto, il punteggio totale del credito scolastico da attribuire a ciascuno studente ammesso

all’esame di Stato nel corrente anno scolastico sarà determinato dalla somma del credito già

attribuito per il terzo anno di corso, convertito sulla base della tabella di cui sopra, e il credito

attribuito per il quarto e il quinto anno di corso utilizzando la tabella denominata “Attribuzione

credito scolastico”.

Requisiti di ammissione all’esame
Rispetto ai requisiti di ammissione dei candidati interni previsti dall’art. 13, comma 2, del d.lgs.

n° 62/2017 si precisa che, non essendo intervenuto un ulteriore differimento annuale dell’entrata in

vigore delle lettere b) e c) dello stesso comma (così come disposto per l’a.s. 2018/2019 dal decreto

legge n° 91/2018 convertito nella legge n° 108/2018), tutti i requisiti ivi previsti trovano piena

applicazione per il corrente anno scolastico.

Pertanto, dovrà essere verificato, ai fini dell’ammissione dei candidati interni all’esame di Stato

dell’a.s. 2019/2020, oltre al requisito della frequenza scolastica e del profitto scolastico, anche il

requisito della partecipazione, durante l’ultimo anno di corso, alle prove a carattere nazionale

predisposte dall’INVALSI e quello dello svolgimento delle attività programmate nell’ambito dei

percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento, secondo il monte ore previsto dall’indirizzo

di studi.
Trovano, inoltre, applicazione le analoghe disposizioni previste per i candidati esterni dall’art.14,

comma 3, del d.lgs. 62/2017.

Prima prova – Traccia di ambito storico
Per quanto attiene alla prima prova scritta di Italiano si rappresenta che, ferma restando la

struttura e le tipologie testuali definite dal quadro di riferimento di cui al D.M. n° 769 del 26

novembre 2018, l’onorevole Ministro ha inteso prevedere, con D.M. n° 1095 de 21 novembre 2019,

che almeno una delle tracce della tipologia B (analisi e produzione di un testo argomentativo)

debba riguardare l’ambito storico.

La scelta è motivata dalla consapevolezza che la storia costituisce disciplina fondamentale nella

formazione degli studenti di tutti i percorsi di studio e che vada, quindi, valorizzata anche

nell’ambito dell’esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione.

Svolgimento del colloquio
Come è noto l’art. 17, comma 9, del decreto legislativo n° 62 del 2017 definisce la struttura del

colloquio, prevedendo che esso abbia la finalità di accertare il conseguimento del profilo culturale,

educativo e professionale dello studente. In particolare, all’avvio del colloquio la commissione

propone al candidato di analizzare testi, documenti, esperienze, progetti e problemi per verificare la

sua capacità di affrontare con autonomia, padronanza e responsabilità le tematiche e le situazioni

prospettate.

Il D.M. n° 37 del 18 gennaio 2019 e l’art. 19 dell’O.M. n° 205 dell’11 marzo 2019 hanno

successivamente definito una specifica procedura relativa alle modalità di conduzione del colloquio,

stabilendo che il giorno della prova orale il candidato sorteggi i materiali (testi, documenti,

esperienze, progetti e problemi) contenuti in una delle tre buste proposte dal Presidente della

commissione d’esame. A tal fine la commissione predispone per ogni classe un numero di buste con

i materiali pari al numero dei candidati aumentato di due unità.[…]

Scarica la nota completa

 

Leggi altri articoli simili
Load More By Sindacato Scuola
Nessun Commenti