Personale docente, educativo ed A.T.A. beneficiario dei permessi per il diritto allo studio nell’anno solare 2020.

Personale docente, educativo ed A.T.A. beneficiario dei permessi per il diritto allo studio nell’anno solare

2020. (prot. n. 71)

E’ individuato, come da allegati elenchi, il personale docente, educativo ed A.T.A. beneficiario dei permessi per il

diritto allo studio che i Dirigenti Scolastici delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado concederanno nell’anno

solare 2020, avendo questo Ufficio verificato la presentazione nei termini delle istanze degli interessati, nonché il

numero dei permessi concedibili ed avendo escluse altresì le istanze palesemente infondate.

E’ individuato altresì, come da allegati elenchi, il personale docente ed A.T.A. escluso dal beneficio della fruizione dei

permessi retribuiti per il diritto allo studio per le motivazioni che sono indicate in detti elenchi.

I permessi stessi saranno concessi, previa verifica, di esclusiva competenza del Dirigente Scolastico, circa la

sussistenza dei presupposti di legge (tipo di corsi di studio da seguire, compatibilità con le esigenze di servizio, etc.),

fino a un massimo di 150 ore, compreso il viaggio, da fruirsi nel periodo 1/1/2020 – 31/12/2020, alle condizioni

previste dalla citata Circolare ministeriale n. 319 del 24/10/1991 e dal C.C.D.R. del 18/10/2017 citati in premessa. Il

personale in part-time, i docenti di Religione cattolica con orario inferiore a 18 ore e il personale con contratto a

tempo determinato fruiranno dei permessi in misura proporzionale alle prestazioni lavorative rese.

Il Dirigente Scolastico stesso curerà che il docente documenti, prima ancora della richiesta del permesso, l’iscrizione

al corso e che subito dopo la fruizione del permesso stesso (comunque non oltre il 31/12/2020 e prima di un

eventuale cambio di sede) produca la certificazione relativa alla frequenza nonché alla partecipazione agli esami.

In caso di mancata presentazione delle dovute ed idonee certificazioni, il Dirigente Scolastico considererà i periodi di

permesso utilizzati quali aspettativa per motivi di famiglia senza assegni e disporrà, nel contempo, quanto necessario

al recupero delle competenze fisse corrisposte per tali periodi.

Avverso il presente provvedimento, che ha individuato gli aventi diritto ai permessi in questione nonché gli esclusi,

sono ammessi reclami per errori materiali. I reclami dovranno pervenire improrogabilmente entro cinque giorni

dalla pubblicazione del presente decreto di cui fanno parte integrante gli allegati elenchi.

I reclami in parola dovranno essere trasmessi, esclusivamente per posta elettronica, al seguente indirizzo :

gerardo.dapolito@istruzione.it

Il presente decreto è pubblicato, dalla data di emissione dello stesso, sul sito Internet dell’Ufficio VI-Ambito

Territoriale di Napoli.

Entro i termini di legge è ammesso facoltativo tentativo di conciliazione ovvero ricorso direttamente al giudice

ordinario.

Scarica gli elenchi e la nota completa: perm_dir_stud_2010_71_08_01_20

Leggi altri articoli simili
Load More By Sindacato Scuola
Nessun Commenti